Abili a Proteggere Petizione

Pubblicato: 17 giugno 2011 in Intrattenimento

Non chiudete abili a proteggere

Divulgate più che potete questa petizione!!!!

http://nonchiudete.abiliaproteggere.net/

NON CHIUDETE ABILI A PROTEGGERE

Con la chiusura di “Abili a proteggere”, il progetto di inserimento lavorativo di persone disabili, attivo dal 2004 presso il Dipartimento della Protezione Civile, rischia di svanire anche il risultato di questi 7 anni di lavoro: la costituzione di una Unità di interfaccia con il mondo della disabilità all’interno dell’Amministrazione dello Stato che più è vicina ai cittadini nei momenti di maggiore difficoltà.

Nei terremoti, nelle inondazioni, ma anche in tutte le fasi di previsione e prevenzione delle emergenze, le persone diversamente abili hanno bisogno di un’attenzione particolare, così come gli anziani, i bambini e tutti quelli che, proprio a seguito di una catastrofe, si ritrovano con una disabilità temporanea o permanente.

Noi chiediamo con forza che il progetto dell’Unità di interfaccia con il mondo della disabilità all’interno del Dipartimento della Protezione Civile diventi subito una realtà e che sia gestito da persone disabili, che conoscono direttamente cosa significa lavorare per abbattere ogni barriera fisica e culturale.

Firma anche tu per dire alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

NON CHIUDETE ABILI A PROTEGGERE!

Annunci

Presidio_20_aprile_2011 copia

illegittimiTagliScuola

https://docs.google.com/document/d/1Sz0vCCwNfHAfZuQZNtTYT8iEMaYjH2neuIZvriLJwok/edit?hl=en#

Contrariamente alle nostre previsioni si è abbattuto sulla  scuola un taglio agli organici del personale docente di unità docenti metodo tradizionale, docenti metodo Montessori e docenti di inglese.

Future classi (quarte e quinte) dovranno essere smistate nelle altre rimanenti raggiungendo il numero di 27 alunni per classe anche con 2 handicap.

Le scuole Montessori verranno snaturate, se tali tagli entreranno a regime, segneranno la fine del metodo stesso poiché non potrà più essere portato avanti da insegnanti di ruolo con specializzazione, bensì da precari che cambieranno ogni anno, senza garanzia nemmeno sul titolo di specializzazione Montessori.

Dovremmo farlo!!!!

Inondiamo il Ministero di posta, con il nostro modulo! Dove c’è scritto ciò di cui hanno veramente bisogno i nostri figli.

Sto pensando che forse abbiamo sbagliato a non protestare già dal vergognoso modulo INVALSI, dovevamo crearne uno nostro e stamparlo sul retro del loro e spedirlo al Ministero, sommergendolo di lettere.

Il Ministero prevede una sola maestra di ruolo a 22 ore e per le restanti 18 ore un docente precario (che quindi può cambiare ogni anno) che non sarà formato Montessori. Questo è dovuto al fatto che il ministero ogni anno comunica l’organico alla scuola e che a seguito della Riforma Gelmini si va progressivamente verso l’attuazione del famoso "maestro unico".

E’ vero che siamo una scuola pubblica, ma credo che in questo caso l’Opera Montessori dovrebbe darci una mano e dovrebbero essere coinvolti anche i genitori della Casa dei Bambini e della materna tradizionale.

Non è solo questione di ore! Qui si tratta di difendere le differenze, la ricchezza che deriva dal confronto dei metodi pedagogici.

Leggi il seguito di questo post »

Di seguito il comunicato del Ministero dell’Interno

Pubblicati nella Gazzetta ufficiale del 4 aprile 2011 i decreti presidenziali che indicono i referendum popolari i cui comizi elettorali sono convocati per il giorno di domenica 12 giugno 2011, con prosecuzione delle operazioni di votazione nel giorno di lunedì 13 giugno 2011.

Le denominazioni sintetiche, formulate dall’Ufficio centrale per il referendum costituito presso la Corte Suprema di Cassazione, in relazione a ciascuno dei quattro quesiti referendari dichiarati ammissibili:

  • a) referendum popolare n. 1
    Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici di rilevanza economica. Abrogazione;
  • b) referendum popolare n. 2
    Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma;
  • c) referendum popolare n. 3
    Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme;
  • d) referendum popolare n. 4
    Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale.

150           UE

Today I was at Upter to take for my sister the course list.

On the catalogue cover there was a wonderful photo: a pregnant women put on italian flag.

The photographer was Antonella Di Girolamo, I suggest you visiting her .

I hope next year to attend her course.

Leggi il seguito di questo post »

http://www.ottofilmaker.eu/index.htm

 

In this website there are many reportages about life of italian people.

I discovered ottofillmaker, when Marco Santarelli workt with a customer of my father.

It’s very interesting.