Archivio per la categoria ‘Intrattenimento’

QUALCUNO CON CUI CORRERE

di David Grossman

 

<<Anche Tamar, all’inizio, non voleva raccontarmi tutto: “non è importante, non è interessante”. Ma io, con grande pazienza, le ho insegnato che non c’è niente di importante quanto queste nostre piccole cose, queste minuzie. E lei, sappilo, è ancor più testarda di te!>>.

Allora la resistenza di Assaf svanì, come se gli fosse stato tolto un peso dal cuore. Perfino la sua voce cambiò, i nodi si sciolsero e, nonostante tutto, parlò di Dafi. Raccontò che calcolava ogni cosa, che misurava tutto in termini di denaro, di rispetto e successo, e nel parlaregli diventava sempre più chiaro perché non amava la sua compagnia.

Dafi era in competizione con tutti, sempre alle prese con bilanci di successi e fallimenti, con guadagni e perdite e, ad ascoltarla, si aveva davvero l’impressione che gli esseri umani continuamente impegnati a tramare contro qualcuno, a scagliarsi su una preda per divorarla nell’attimo in cui ne scoprivano il punto debole…. <<Ci sono persone come quelle al mondo>> disse Teodora, notando che Assaf si stava un pò immalinconendo. <<Però ce ne sono anche altre, no? Ed è proprio per queste ultime che vale la pena vivere.>>

Assaf sorrise e si drizzò con gioia, come se quel breve commento avesse risolto un problema complesso che lo ossessionava da tempo.

 

 

Come passano in fretta 8 anni

Pubblicato: 1 agosto 2011 in Intrattenimento

2003lug               28072011093

25 settembre Marcia per la Pace

Pubblicato: 4 luglio 2011 in Intrattenimento

PEACE MARCH – September, 25

Andiamoci insieme: http://vassoiofreddo.forumitalian.com/t113-23-25-sett-11-marcia-della-pace

Abili a Proteggere Petizione

Pubblicato: 17 giugno 2011 in Intrattenimento

Non chiudete abili a proteggere

Divulgate più che potete questa petizione!!!!

http://nonchiudete.abiliaproteggere.net/

NON CHIUDETE ABILI A PROTEGGERE

Con la chiusura di “Abili a proteggere”, il progetto di inserimento lavorativo di persone disabili, attivo dal 2004 presso il Dipartimento della Protezione Civile, rischia di svanire anche il risultato di questi 7 anni di lavoro: la costituzione di una Unità di interfaccia con il mondo della disabilità all’interno dell’Amministrazione dello Stato che più è vicina ai cittadini nei momenti di maggiore difficoltà.

Nei terremoti, nelle inondazioni, ma anche in tutte le fasi di previsione e prevenzione delle emergenze, le persone diversamente abili hanno bisogno di un’attenzione particolare, così come gli anziani, i bambini e tutti quelli che, proprio a seguito di una catastrofe, si ritrovano con una disabilità temporanea o permanente.

Noi chiediamo con forza che il progetto dell’Unità di interfaccia con il mondo della disabilità all’interno del Dipartimento della Protezione Civile diventi subito una realtà e che sia gestito da persone disabili, che conoscono direttamente cosa significa lavorare per abbattere ogni barriera fisica e culturale.

Firma anche tu per dire alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

NON CHIUDETE ABILI A PROTEGGERE!

Contrariamente alle nostre previsioni si è abbattuto sulla  scuola un taglio agli organici del personale docente di unità docenti metodo tradizionale, docenti metodo Montessori e docenti di inglese.

Future classi (quarte e quinte) dovranno essere smistate nelle altre rimanenti raggiungendo il numero di 27 alunni per classe anche con 2 handicap.

Le scuole Montessori verranno snaturate, se tali tagli entreranno a regime, segneranno la fine del metodo stesso poiché non potrà più essere portato avanti da insegnanti di ruolo con specializzazione, bensì da precari che cambieranno ogni anno, senza garanzia nemmeno sul titolo di specializzazione Montessori.

Dovremmo farlo!!!!

Inondiamo il Ministero di posta, con il nostro modulo! Dove c’è scritto ciò di cui hanno veramente bisogno i nostri figli.

Sto pensando che forse abbiamo sbagliato a non protestare già dal vergognoso modulo INVALSI, dovevamo crearne uno nostro e stamparlo sul retro del loro e spedirlo al Ministero, sommergendolo di lettere.

Il Ministero prevede una sola maestra di ruolo a 22 ore e per le restanti 18 ore un docente precario (che quindi può cambiare ogni anno) che non sarà formato Montessori. Questo è dovuto al fatto che il ministero ogni anno comunica l’organico alla scuola e che a seguito della Riforma Gelmini si va progressivamente verso l’attuazione del famoso "maestro unico".

E’ vero che siamo una scuola pubblica, ma credo che in questo caso l’Opera Montessori dovrebbe darci una mano e dovrebbero essere coinvolti anche i genitori della Casa dei Bambini e della materna tradizionale.

Non è solo questione di ore! Qui si tratta di difendere le differenze, la ricchezza che deriva dal confronto dei metodi pedagogici.

(altro…)

150           UE

Today I was at Upter to take for my sister the course list.

On the catalogue cover there was a wonderful photo: a pregnant women put on italian flag.

The photographer was Antonella Di Girolamo, I suggest you visiting her .

I hope next year to attend her course.

(altro…)

Si può fare mercato su tutto?

Pubblicato: 15 dicembre 2010 in Intrattenimento

“… se tutti si genuflettono di fronte al mercato e il mercato è il principio regolatore di tutto, beh anche la politica si organizza come mercato elettorale e forse lì c’è un principio di corruzione della nostra società…”

“… discutere sui problemi di un’Italia che pare per tanti versi allo sbando, che deve affrontare l’incubo di un orizzonte fatto di declino e di degrado…

Vendola il 14 dicembre 2010 a Ballarò

Vedi il video

Valeria scrive: 15 dicembre 2010 alle 12:10

A parte il termine “mercantilizzazione” che se non è un neologismo, è cmq un termine cacofonico assai, mi sa che Nichi ha ragione.

C’è il mercato dei voti, perché la nostra società è genuflessa al mercato.

Il mercato è divenuto più importante della politica.

Il muro di Berlino è crollato da tempo, quand’è che smetteremo di avere paura.

Il mercato non sempre si autoregolamenta, la concorrenza non è la risposta a tutti i mali.

La compravendita dei voti è un’operazione di concorrenza. 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/12/15/berlusconi-il-terzo-polo-non-ha-piu-grandi-prospettive/82049/comment-page-6/#comment-1273227